Pubblicità

Influencia do Jazz: è questo il nome del concerto che si svolgerà, domenica 25 luglio, alle 21.15, al Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano ad Ostuni

Tre talentuosi musicisti pugliesi uniti dalla stessa passione, a doppio filo, per il jazz e la musica carioca. Domenica, 25 luglio, l’anfiteatro del Parco Archeologico di Santa Maria di Agnano, alle porte di Ostuni, ospiterà il concerto “Influencia do Jazz”. Protagonisti della serata, per il primo appuntamento musicale della IV edizione di Teatro Madre Festival, tre artisti riconosciuti, a livello internazionale, per l’indiscusso talento: Vince Abbracciante alla fisarmonica, Giorgio Vendola al contrabbasso, Fabio Accardi alla batteria.

Al pubblico di Teatro Madre Festival offriranno un repertorio colorato e originale che si ispira all’immaginario sonoro dei tre artisti “Sudestini”, fatto di jazz, tango, colonne sonore e sono la manifestazione della loro “Pugliesità”. Non mancano incursioni e rielaborazioni di brani celebri scritti da grandi maestri della musica brasiliana come: Edu Lobo, Jobim, Milton, Chico Buarque, Egberto Gismonti, Hermeto Pascoal. L’idea del nome del gruppo nasce dal desiderio di omaggiare la musica del nordest del Brasile, culla di una grande tradizione di musica, di musicisti e, in particolare, fisarmonicisti.

Sotto un cielo stellato, gli spettatori di Teatro Madre si lasceranno incantare da un linguaggio musicale insolito e sorprendente, tra improvvisazioni e giochi virtuosistici che faranno da ponte ideale tra la tradizione pugliese e quella carioca.

Biglietto unico euro 8. Per info e prenotazioni: +39 389 265 6069.

Gli spettatori di Teatro Madre potranno come sempre usufruire delle visite guidate gratuite curate da Pamela Viaggi alla Grotta in cui è stata rinvenuta la ‘Madre’ di Ostuni e altre due sepolture preistoriche. Partenza h. 19; prenotazione obbligatoria al +39 389 265 6069.
Inoltre, a disposizione degli spettatori l’area food “Da Madia e Jole”, in collaborazione con Micro e le performance live “All’ombra dell’ulivo”.